SCUOLA ITALIANA DI SCIENZE NATUROPATICHE

Scuola di naturopatia e Scuola di massaggio olistico

Tu sei qui: home > Casa editrice > La spasmofilia (malattia invisibile)

La Spasmofilia, malattia invisibile

di Patrice Ponzo ~ questo lavoro, frutto della ricerca americana in psichiatria ortomolecolare, è stato ripreso dal dott. Patrice Ponzo che dirige in Francia la Scuola I.F.S.H. (Institut Francais des Sciences de l'Homme), Istituto di Naturopatia e medicine non convenzionali.

L'etimologia della spasmofilia è ambigua, poiché significa "affinità per gli spasmi".

In medicina, la si chiama ipereccitabilità neuromuscolare, ciò che indica un disequilibrio tra sistema nervoso e organi innervati.

Negli USA non si riconosce la spasmofilia; si parla volentieri di "Chronic Fatique Syndrom".

Un fenomeno di somatizzazioni

I problemi somatici sono diversi:

  • Digestivi (colite, nausea, spasmi intestinali, spasmi biliari …);
  • Problemi dell'apparato urinario (cistalgia psicogena, sindrome di Barlow…);
  • Muscolari (fibromialgia…);
  • Cerebrali (sindrome epileptiforme…).

Il vero volto della spasmofilia

Il 90% della spasmofilia è ereditario: sembrerebbe che una trasmissione embriologica sia possibile dalla madre al bambino: esistono delle autentiche famiglie di spasmofilici.

Un profilo psicologico è indiscutibile:

la persona spasmofilica è un soggetto "gentile", dall'infanzia.

Esistono due caratteristiche nello spasmofilico:

  • L'ipereccitabilità neuromuscolare è eccessiva e protratta nel tempo
  • L'automemorizzazione provoca una reazione di spossatezza.

Le differenti fasi

Si distingue nella spasmofilia una fase di sensibilizzazione primaria (genotipo, infanzia), una fase di latenza, una fase di scompenso dove i sintomi appaiono e infine una reazione di sfinimento.

La diagnosi differenziale

Il terapeuta deve saper fare la differenza tra:

  • La spasmofilia e la nevrosi da angoscia, nella quale l'ansia è generalizzata e comporta degli attacchi di panico. L'angoscia negli spasmofilici non è né tenace né profonda. E' minore, labile, oscillante.
  • La spasmofilia e l'isteria che è un grave problema di comportamento con una componente fobica. Il soggetto descrive i suoi malesseri con una certa soddisfazione, il comportamento è teatrale, drammatico, perché ci si occupi di lui.
  • La spasmofilia e la depressione nella quale è depressivo tutta la giornata e oscillante. La debole stima di sé si ritrova nel soggetto depressivo mentre nel soggetto spasmofilico è più scoraggiato che disperato.

Eziologia

Secondo le scuole si distinguono:

Un'origine nervosa nella quale la distonia neurovegetativa è associata ad una disfunzione della zona libica del cervello.

Un'origine metabolica nella quale la teoria del calcio del prof. Klotz è associata alla teoria del magnesio del dott. Roselle e Durlach. In questa origine metabolica, bisogna citare del terreno che compromette la

Un'origine enzimatica attraverso la quale l'influsso nervoso si propaga grazie a dei meccanismi enzimatici ? Un'origine da carenza minerale, sia di assorbimento sia di assimilazione.

I sintomi

Spasmofilici riassunto da:

  • Ansia
  • Insonnia
  • Astenia

L'insonnia è legata all'ansia e l'astenia è legata all'insonnia.

I sintomi sono molteplici nello spasmofilico.

Possiamo distinguere i piccoli malesseri come: le vertigini, i crampi, i tremori, i formicolii, gli spasmi multipli, le cefalee, il bolo isterico… .

I grandi malesseri come: l'angoscia, la tetania, la sensazione di morte imminente, i disturbi del sonno (insonnia da risveglio notturno), la fatica mattutina, di mezzogiorno e di tutta la giornata.

Il trattamento della spasmofilia associa:

La nutriterapia con l'apporto di:

  • Orotato di calcio
  • Orotato di magnesio
  • Orotato di litio
  • Complesso di vit. B

Le cure complementari

La fito-aromaterapia sedativa, ansiolitica, ipnotica dello spasmofilico o la sindrome reattiva.

Le tecniche psico-corporee per trovare la distensione e il "lasciar andare".

Le terapie comportamentali e cognitive.

La riflessoterapia plantare, auricolare, endonasale.

L'omeopatia

E' evidente che il terapeuta sceglierà la tecnica o la cura in funzione del suo paziente e della reattività dello stesso alla cura.

E' certo che vi sono tanti spasmofilici quanti tipi di spasmofilia, e che la spasmofilia può essere congiunta ad altre patologie come In questi casi sarà interessante avere un'analisi del sangue, in particolare il tasso di istamina, dei basofili, dei folati e del rame sierico.

Tutti questi elementi sono all'origine dei disordini biochimici a livello del cervello.

 

Scuola di Naturopatia e Scuola di Massaggio olistico

Le sedi della Scuola di Naturopatia in Italia:

Bari, Cagliari, Catania, Lecce, Messina, Palermo, Reggio Calabria, Salerno

DYNAMIS Soc. Coop. - Istituto di Naturopatia e Medicina Olistica

Scuola Italiana di Scienze Naturopatiche
Scuola di Naturopatia

Telefax. 093426646 - Cell. 3388057316 - Contatti
Codice Fiscale/P. IVA Dynamis Soc. Coop. 01937960852

Numero verde ~ Scuola Naturopatia
Brochure dei corsi di naturopatia // Piano Offerta Formativa

Piano di studi personalizzati

Sono aperte le iscrizioni al corso professionale di naturopatia.

Scarica la brochure
(.pdf 1,6 MB)